Okonomitalia's Blog

The only certainty is change

FIL June 15, 2011

Il capitalismo ha prodotto materialismo e consumismo ma non ha prodotto la felicità.
E nonostante questo modello abbia fallito, tutti i paesi del mondo si ostinano a misurare il PIL come indice di benessere e ricchezza. Ma perché non misurare il FIL (felicità interna lorda) cioè il livello di benessere di un paese in rapporto ai servizi fondamentali offerti dallo Stato? Un modello così garantisce la soddisfazione dei bisogni primari dei cittadini e produce benessere. Si assume un nuovo stile di vita che esalta la convivenza civile, la produzione che mira alla qualità, il rispetto per la natura e tutto ciò che produce, perseguire il progresso invece del profitto, il sano uso dell’intelligenza per fini beneficiosi per tutti, avere come obiettivo quello di migliorarsi e di migliorare per lasciare ai prossimi un mondo in salute. Insomma, un nuovo modello che permetta ad un popolo di essere felice di vivere nel suo paese. Esiste un piccolo paese dell’Asia che ha proposto, provocatoriamente, questo nuovo concetto: il Bhutan. E’ inevitabile, in questo periodo di crisi profonda dell’umanità, non pensare ad un modello alternativo che dia nuove prospettive e speranze per un futuro che deve basarsi su nuovi valori o, più semplicemente, rivalutare quei vecchi valori che abbiamo disprezzato dandoli per scontato.
Produrre felicità come bene di consumo è decisamente un’ottima idea da trasmettere ai politici privi di coraggio e di capacità di “vedere” opzioni.

Advertisements
 

Influenza mediatica May 3, 2011

I mezzi di comunicazione di massa sono gli strumenti più potenti di impatto sul pubblico. Coloro che li posseggono sanno verso quale obiettivo stanno conducendo l’umanità? I mass media sono cruciali per costruire una relazione positiva tra l’individuo ed il resto della società. Non ci sono altri mezzi come i mass media che influenzino le masse e che riescano a raggiungere ogni persona. Attualmente l’opinione di un giovane si basa non su quello che impara a scuola ma sull’informazione che trova a sua disposizione, nel suo caso in internet. E chi gestisce internet e crea tutto il materiale informativo di cui ci nutriamo ogni giorno? Assorbiamo qualsiasi cosa ci forniscano e in base a ciò formiamo le nostre opinioni. Indubbiamente internet ha avvicinato il mondo, ha favorito scambi culturali online tra la gente, ci ha uniti di più. E tutto questo è positivo. Ma questa sarebbe la felice conclusione se nel mondo ci fossero solo benefattori.
Tuttavia non sappiamo davvero nulla, ci siamo ritrovati ignari però contenti in questo enorme pentolone lasciandoci cucinare a fuoco lento.