Okonomitalia's Blog

The only certainty is change

FIL June 15, 2011

Il capitalismo ha prodotto materialismo e consumismo ma non ha prodotto la felicità.
E nonostante questo modello abbia fallito, tutti i paesi del mondo si ostinano a misurare il PIL come indice di benessere e ricchezza. Ma perché non misurare il FIL (felicità interna lorda) cioè il livello di benessere di un paese in rapporto ai servizi fondamentali offerti dallo Stato? Un modello così garantisce la soddisfazione dei bisogni primari dei cittadini e produce benessere. Si assume un nuovo stile di vita che esalta la convivenza civile, la produzione che mira alla qualità, il rispetto per la natura e tutto ciò che produce, perseguire il progresso invece del profitto, il sano uso dell’intelligenza per fini beneficiosi per tutti, avere come obiettivo quello di migliorarsi e di migliorare per lasciare ai prossimi un mondo in salute. Insomma, un nuovo modello che permetta ad un popolo di essere felice di vivere nel suo paese. Esiste un piccolo paese dell’Asia che ha proposto, provocatoriamente, questo nuovo concetto: il Bhutan. E’ inevitabile, in questo periodo di crisi profonda dell’umanità, non pensare ad un modello alternativo che dia nuove prospettive e speranze per un futuro che deve basarsi su nuovi valori o, più semplicemente, rivalutare quei vecchi valori che abbiamo disprezzato dandoli per scontato.
Produrre felicità come bene di consumo è decisamente un’ottima idea da trasmettere ai politici privi di coraggio e di capacità di “vedere” opzioni.

Advertisements
 

Crisi July 22, 2010

C’è una grande differenza tra esistere e star vivi. Ci sono molte persone che non se ne rendono conto finché non si trovano di fronte all’abisso della loro esistenza.

Ci muoviamo come degli automi preprogrammati, seguendo per inerzia le nostre giornate, senza mai fermarci un attimo a chiedere al nostro io interiore se è quella la strada che abbiamo scelto di seguire. E’ come se vivessimo una vita presa in prestito. Come se sentissimo che in fondo non ci appartiene. Il punto è che c’è bisogno di una forte dose di coraggio per addentrarci nel territorio incerto e sconosciuto di noi stessi. Quando finalmente ci troviamo di fronte a questo dilemma esistenziale vuol dire che siamo in crisi.

E ben vengano le crisi! La fatidica crisi dei quaranta io la considero il mio turning point. Perché coincide con un momento di bilanci e di riflessioni sui motivi che ci hanno condotto a seguire quel determinato stile di vita. E’ un momento in cui non possiamo più fuggire da noi stessi. Ma non è un momento per giudicarci né vittimizzarci. Semplicemente assumerci la responsabilità della persona che crediamo di essere e di quella che potremmo arrivare ad essere. Se non ci mettiamo in discussione e non ci liberiamo da quelle convinzioni, che ci hanno condizionato sin dall’infanzia perché dettate dall’educazione ricevuta e dall’ambiente socioculturale, e in base alle quali abbiamo creato la nostra identità, non potremo scoprire la nostra verità ed arrivare ad essere liberi mentalmente.

Una crisi ci conduce inevitabilmente a prendere decisioni, e quindi a cambiare lo stato attuale delle cose.

 

Carisma July 15, 2010

E’ difficile definire il carisma come tratto distintivo della personalità, perché in fondo nessuno sa esattamente che cosa comporti il carisma. Le persone carismatiche generalmente hanno una personalità affascinante e persuasiva. Sono dei grandi comunicatori con una notevole abilità di convincimento. Il loro carisma ha un effetto magnetico sulla gente che si sente rassicurata e pronta a seguire il suo leader senza riserve. Un individuo carismatico riesce a connettere con una moltitudine di persone anche a livello personale, perché è attento ai dettagli che fanno sentire bene ognuno di loro, e questo fa sì che si crei un legame incondizionato tra loro.   Una persona con carisma ha il coraggio di essere chi realmente è. Conosce bene i suoi punti forti, che la rendono speciale, così come i suoi punti deboli. Ha una accettazione positiva di sé stessa e degli altri, ed è su questa base che costruisce relazioni e una vita di successo.

Tuttavia, un individuo consapevole del potere del suo carisma, e quindi della sua capacità di influenzare, può abusare della fiducia dei suoi sostenitori per manipolare la loro visione delle cose e imporre così la sua volontà a favore di un comportamento dispotico.

Ma carismatici non si nasce, si diventa. Ognuno di noi ha il potenziale per sviluppare il proprio carisma.